Come trovare un’idea e poi realizzarla

Luglio 12, 2023

Interviste

Alla scoperta del lavoro curatoriale con Clara Tosi Pamphili

Clara Tosi Pamphili

Il lavoro curatoriale è una parte fondamentale di qualsiasi progetto artistico. Senza di esso, le mostre e gli allestimenti che visitiamo e le performance alle quali assistiamo non potrebbero proprio esistere. Ma come funziona nella sua pratica? Come si è evoluto, e quali sono le competenze che richiede e le sfide che deve affrontare chi lo svolge? In vista della partenza del Master Curatela e Critica d’Arte, lo abbiamo chiesto a Clara Tosi Pamphili, tra le docenti del programma: curatrice, storica della moda e del costume e fondatrice di A.I. Artisanal Intelligence, ha lavorato con artiste come Vanessa Beecroft e Tilda Swinton.

In vista della partenza del Master Curatela e Critica d’Arte, lo abbiamo chiesto a Clara Tosi Pamphili, tra le docenti del programma: curatrice, storica della moda e del costume e fondatrice di A.I. Artisanal Intelligence, ha lavorato con artiste come Vanessa Beecroft e Tilda Swinton.

Di cosa si occupa una curatrice?

Una curatrice può svolgere il suo lavoro come freelance o essere interna ad una struttura museale, o un archivio, o una fondazione, quindi pubblica o privata. Ha un ruolo preciso: creare le condizioni perché un progetto espositivo si realizzi. Se è un suo progetto, una sua idea, ne deve valutare la fattibilità artistica, culturale ed economica per proporlo.

Va detto che non sempre questi parametri camminano insieme: ci sono idee meravigliose totalmente antieconomiche… Il lavoro fondamentale sta nel relazionare gli artisti con il luogo espositivo, accompagnarli sia in senso protettivo che critico. Deve conoscerli profondamente, assisterli nelle loro necessità produttive. Ha anche un ruolo di sostegno alla elaborazione dei testi, sia del catalogo sia della comunicazione.

Come è cambiato negli ultimi anni il tuo lavoro?

È cambiato soprattutto in funzione del rapporto con chi sostiene i progetti, gli sponsor. I progetti devono avere delle connotazioni che non sono più quelle dei business plan di qualche tempo fa. Oggi la tutela del risparmio energetico è più importante di altri dati.

Se un artista vuole realizzare qualcosa di eccessivo e che non rispetti alcune regole fondamentali va fatto ragionare o cambiato. Il resto é uguale: idea, moodboard concettuale, individuazione artisti, relazione con il luogo, allestimento, comunicazione.

Come hai iniziato a lavorare in questo settore?

Ho iniziato con una mostra nel 2005 che si chiamava TraIvestimenti sulla Sartoria Farani a Santo Spirito in Saxia a Roma, era la prima del genere che incrociava costume, cinema, tv, arte e artigianato.

Che cosa avresti voluto che ti insegnassero prima di fare questo lavoro?

La cosa più complessa: come si trova una idea.
Come ci si muove nel primo ambito del lavoro, la parte creativa, perché il resto é abbastanza intuitivo.

Ci racconti com’è stato organizzare la performance di Vanessa Beecroft a Palermo?

Mi sono occupata più della performance romana a Cinecittà, a Palermo relativamente. A Roma è stata un lavoro complesso soprattutto per la “grandezza” dell’artista e dello spazio, di Vanessa Beecroft e dello Studio 5 di Cinecittà (lo studio di Fellini, pieno di energia).

L’idea era di avere 300 donne nella performance che, come le altre, presupponeva che stessero ferme per molte ore. In quel caso il curatore pensa anche al servizio medico È stata una esperienza fortissima, ma che rientra nella mia fortuna di aver incontrato donne straordinarie come Vanessa Beecroft o Tilda Swinton, con cui ho realizzato la performance Embodying Pasolini a Roma.


Scopri il Master Curatela e Critica d’arte

Condividi

Leggi anche

News

Intelligenza Artificiale: la nuova Masterclass in collaborazione con Arkage

Tre incontri in live streaming sull’Intelligenza Artificiale. La Masterclass fornisce gli strumenti pratici fondamentali per accogliere le sfide e le opportunità del mercato del lavoro futuro, dove le competenze in IA saranno sempre più richieste.

Interviste

Come comunicare con gli eventi mentre il mondo cambia

Abbiamo fatto qualche domanda a Daniele Valletta, AD di Treccani Esperienze, il progetto dell’Istituto della Enciclopedia Italiana che nasce per promuovere e valorizzare il patrimonio culturale italiano attraverso il viaggio, inteso come momento di condivisione e crescita individuale e collettiva.

News

La Scuola del Tascabile raddoppia!

  Al via le selezioni per una nuova edizione del laboratorio di scrittura culturale Visto il grande interesse per La Scuola del Tascabile, dopo aver selezionato e ammesso oltre venti …

Eventi

Webinar – Master Comunicazione d’impresa e management degli eventi

  OPEN DAY – WEBINAR 11 settembre 2024 ore 13:30Comunicazione d’impresa e management degli eventi   Mercoledì 11 settembre 2024 dalle ore 13:30 si terrà il webinar di presentazione del Master full time Comunicazione …