Musei e TikTok: quando l’arte sbarca sul social della GenZ

Novembre 25, 2021

News

TikTok è il social network della Generazione Z. Pensato per creare brevi video che vengono presentati in uno stream continuo, ospita una grande varietà di contenuti, dai celebri balletti al filone comedy. È in ragione della sua altissima potenzialità creativa che molti musei hanno deciso di far sbarcare qui la propria comunicazione: aderendo alle sue meccaniche di funzionamento, le istituzioni culturali hanno l’occasione di estendere la propria comunicazione a un target di utenti molto spesso difficile da raggiungere. Ecco una breve lista di alcuni esempi virtuosi di musei su TikTok.

Le Gallerie degli Uffizi @uffizigalleries

Il profilo TikTok delle Gallerie degli Uffizi è un caso studio prezioso nel terreno della comunicazione museale. Mostrandosi ricettivo ai trend e al linguaggio adottato dagli utenti di TikTok, gli Uffizi producono contenuti divertenti e originali. Il loro profilo è un ibrido tra uno strumento di comunicazione e di inclusione didattica, che permette al target di riferimento di arrivare a contenuti culturali veicolati attraverso un codice noto e accessibile.

Il Rijksmuseum di Amsterdam @rijksmuseum

Lo staff del Rijksmuseum è attivamente coinvolto nella produzione di contenuti di approfondimento proposti su TikTok: scorrendo il profilo del museo, è possibile farsi guidare dal direttore, dallo staff curatoriale e da quello educativo alla scoperta della vastissima collezione, che viene raccontata attraverso sguardi sulle opere, focus sugli artisti e pillole di Storia dell’arte. Non solo didattica: ogni tanto troverete anche qualche balletto nei corridoi del museo.

Il Museo del Prado di Madrid @museodelprado

Il profilo del Prado risponde direttamente a domande e curiosità degli utenti, mostrando il dietro le quinte di un museo: è possibile assistere a scan e radiografie delle opere, scoprire tecniche di restauro e conservazione, ricevere consigli su quali percorsi di studio intraprendere per lavorare nel campo artistico.

Il Castello di Versailles @chateauversailles

Tour e attraversamenti delle sale del castello, ma anche dei laboratori di restauro e conservazione: il profilo TikTok di Versailles propone delle esplorazioni degli spazi interni ed esterni del castello, sfruttando gli strumenti di editing video e audio del social e creando una narrazione visiva di grande impatto.

Victoria and Albert Museum @vamuseum

Mescolando un approccio didattico a un piglio decisamente ironico, il profilo TikTok del Victoria and Albert Museum è capace di intrattenere e insieme insegnare: scorrendo i video, è possibile imbattersi in pillole di Storia dell’arte (Elsa Schiaparelli in 20 seconds) ma anche in cataloghi inediti (come il video dal titolo Bums of the V&A: un viaggio tra i fondoschiena della collezione di statue del museo).

Condividi

Leggi anche

Interviste

Alla scoperta del Payroll Specialist

Intervista a Enzo De Fusco, Consulente del lavoro, fondatore di De Fusco Labour&Legal e coordinatore scientifico del Master Payroll Specialist. Alla scoperta del Payroll Specialist Nel tempo la gestione del …

Eventi

Food&Wine Italia Awards: Treccani Accademia partner dell’evento.

Treccani Accademia partner per le categorie Responsabilità sociale nel vino e Innovazione nel vino. Quattordici le categorie premiate, dalla cucina all’interior design, passando per la responsabilità sociale. Food&Wine Italia Awards …

Interviste

Sviluppare competenze per affrontare tempi incerti

Sviluppare competenze per affrontare tempi incerti Intervista ad Alessandro Innocenti, responsabile della Formazione Corporate di Treccani Accademia “Se vi chiedessero qual è il miglior investimento, cosa rispondereste?”, si chiedeva qualche …

News

La Scuola del Tascabile raddoppia!

Al via le selezioni per una nuova edizione del laboratorio di scrittura culturale Visto il grande interesse per La Scuola del Tascabile, dopo aver selezionato e ammesso venti studenti all’edizione …